Ancora su Preah Vihear

Andare in basso

Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Dom Ott 20, 2013 4:10 pm

TEMPIO CONTESO TRA CAMBOGIA E THAILANDIA, ATTESO VERDETTO

Una questione di orgoglio nazionale ma anche di necessaria distensione tra due paesi vicini che condividono una storia tormentata, insieme a interessi attuali e il percorso verso una non facile integrazione regionale alla fine del 2015.

La soluzione dell’antico contenzioso su un’area di pochi chilometri quadrati attorno allo sperone roccioso su cui si eleva il complesso templare di Preah Vihear, sul confine, ha acceso in più riprese tensioni e anche scontri armati. La decisione del 15 giugno 1962 con cui la Corte internazionale di giustizia dell’Aia aveva affidato la custodia del tempio e il territorio circostante alla Cambogia in base alle mappe della colonizzazione francese e ai precedenti trattati tra regno siamese e regno di Cambogia, nonostante l’accettazione dei due paesi, non ha portato però la pace piena. L’unico accesso per la moltitudine di turisti che visitano il tempio resta infatti dal territorio thailandese. Resta anche incompleta le delimitazione di un’area forestale di 4,6 chilometri quadrati, fortemente militarizzata ai due lati di una ideale linea di tregua, e in parte minata che Bangkok reclama per sé.

L’accettazione da parte dell’Unesco nel luglio 2008 della richiesta cambogiana di rendere il complesso, splendida testimonianza dell’impero Khmer costruita nell’XI secolo, patrimonio mondiale dell’umanità, ha riacceso le istanze nazionaliste in un periodo di convulsioni interne alla politica e alla società thailandesi.

Dopo gli scontri armati nell’area contesa dell’aprile 2008, dell’ottobre 2009 e nel febbraio 2011 Phnom Penh ha chiesto nell’aprile 2011 ancora una volta l’intervento della Corte internazionale di giustizia che, dopo avere ascoltato nell’aprile 2013 le ragioni delle parti, ha comunicato questa settimana che una decisione sarà presa l’11 novembre.

Un atto che sta avendo conseguenze in Thailandia. Il primo ministro Yingluck Shinawatra ha annunciato che Bangkok accetterà qualunque verdetto sarà emesso. Tuttavia, oggi è stata prolungata fino alla fine della sessione parlamentare il 30 novembre, l’imposizione della legge d’emergenza in tre distretti della capitale interessati nelle ultime settimane da manifestazioni antigovernative e che le autorità temono possano intensificarsi se il verdetto dovesse essere sfavorevole alle ragioni dei nazionalisti thailandesi.

misna.org
avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Lun Ott 28, 2013 5:11 pm

Qualsiasi sia la decisione della Corte Internazionale di Giustizia che delibererà sulla sorte del tempio conteso e i circa 4 km. quadrati intorno ad esso thailandesi e cambogiani si impegnano a mantenere rapporti pacifici.
avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Dom Nov 10, 2013 5:53 pm

In vista del verdetto su Preah Vihear il Buri Ram Primary Educational Service Area ha indetto oggi la chiusura temporanea di 40 scuole nel distretto di Ban Kruad.
avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Lun Nov 11, 2013 4:41 pm

La Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) ha confermato all'unanimità l'appartenenza del tempio alla Cambogia.
avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Lun Nov 11, 2013 4:54 pm

CAMBOGIA - THAILANDIA
Preah Vihear: a Phnom Penh la sovranità dell’area che circonda il tempio
La Corte internazionale di Giustizia ha stabilito che spetta alla Cambogia il possesso dei terreni, al centro di un’annosa disputa con la Thailandia. E chiede il ritiro delle truppe di Bangkok. In passato si sono verificati scontri fra i due eserciti, con morti e feriti. Gruppi nazionalisti thai annunciano di non riconoscere il verdetto.

Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) - La Corte internazionale di Giustizia, principale organo giudiziario Onu con sede all'Aja (Olanda), ha stabilito che spetta alla Cambogia la "sovranità" sui terreni attorno al tempio di Preah Vihear, al centro di un'annosa disputa con la Thailandia. Il tribunale delle Nazioni Unite ha inoltre affermato che le truppe di Bangkok devono "ritirarsi" dalla zona contesa. In passato si sono ripetuti scontri sanguinosi fra i due eserciti, con vittime e feriti su entrambi i fronti. Un verdetto del 1962 ha stabilito che il celebre tempio indù appartiene a Phnom Penh, senza però decidere sull'area circostante e aprendo le porte a un conflitto per il possesso.

Due anni fa Phnom Penh ha chiesto un chiarimento al tribunale internazionale, nel tentativo di dirimere una volta per tutte, secondo diritto, l'intera vicenda. Nel comunicare la decisione, il presidente della Corte Peter Tomka ha sottolineato che "la Cambogia mantiene la sovranità sull'intero territorio del promontorio di Preah Vihear". Di conseguenza, Bangkok è vincolata al ritiro delle truppe, delle forze di polizia o di qualsiasi tipo di corpo "che ha posto di stanza nella zona".

Dal fronte cambogiano nei giorni scorsi era emersa la denuncia di un sorvolo della zona, non autorizzato, da parte di aerei dell'aviazione thai. Tuttavia, i vertici militari di Phnom Penh hanno evitato una reazione di forza, in attesa proprio del giudizio odierno della Corte dell'Aja. Non si escludono però focolai di tensione e scontri nei villaggi di confine, dove l'elemento nazionalista spesso contribuisce ad infiammare il clima. Il Thai Patriotic Network ha già annunciato che non darà corso al verdetto.

La disputa sui confini tra Bangkok e Phnom Penh è in corso dal 1962, quando la Corte internazionale ha attribuito alla Cambogia il controllo delle rovine del tempio indù di Preah Vihear, risalenti al XII secolo. La zona dove sorge il tempio è considerata territorio cambogiano, ma è circondata da scoscesi dirupi coperti di giungla, che la Thailandia reputa suoi di diritto. Inoltre per la morfologia del territorio il sito è impossibile da raggiungere passando dalla Cambogia.

Dopo anni di trattative, la disputa si è riaccesa nel 2008, quando l'Unesco ha deciso di trasformare il tempio in patrimonio mondiale dell'umanità, imponendo a Bangkok di consentirne l'accesso attraverso i suoi confini. In questi anni sono avvenuti diversi scontri tra i due eserciti dislocati nei pressi del sito. Nell'aprile 2011 diversi scontri a fuoco hanno causato morti e feriti su entrambi i fronti; nel mese di dicembre dello stesso anno entrambi i fronti hanno raggiunto l'accordo per un ritiro degli eserciti, nel tentativo di mettere fine alle violenze.

avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da liside il Gio Nov 14, 2013 7:53 pm

avatar
liside
Admin

Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 22.09.13
Età : 60
Località : Campi Bisenzio

Visualizza il profilo dell'utente http://thainews.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora su Preah Vihear

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum